martedì 1 marzo 2016

Mariano IV e la razzia a Gergei del 1340

Mariano IV e la razzia a Gergei del 1340
di Sergio Sailis

Nel settembre del 1340 Pietro IV scriveva a Mariano d’Arborea (all’epoca semplice Conte di Goceano e signore della Marmilla non essendo ancora assurto al trono giudicale) lamentandosi della scorreria effettuata da un manipolo di arborensi i quali, al comando del castellano di Marmilla, vessilli inalberati e a mano armata, avevano razziato il territorio di Gergei all’epoca detenuto in feudo da Guglielmo de Petra (o Guillem Sapera il 28 aprile 1325, aveva infatti ottenuto una rendita annua di 4000 soldi di genovini a valere sui redditi di ville del Regno di Sardegna che vennero individuate appunto con Gergei (Siurgus) e con Bangiu Donnico (Trexenta villaggio scomparso nei pressi di Ortacesus) e delle quali venne investito il successivo 4 maggio 1325).

La razzia aveva fruttato agli arborensi ben 18 buoi, 500 pecore oltre a grano e orzo; questo ricco bottino con tutta probabilità venne poi portato al sicuro nel vicino castello di Las Plassas per soddisfare le esigenze della sua guarnigione.

Il fatto avvenne in località “mora era” (attualmente Murera ai confini tra Barumini e Gergei) nonostante la presenza, proprio nella zona, dei cippi di confine tra il Giudicato di Arborea e il Regno di Sardegna pertanto, secondo il sovrano, si trattava di un deliberato atto di aggressione e per questo motivo ammoniva Mariano a riparare i danni causati.

Prime avvisaglie di una certa (forse nascente) insofferenza verso gli iberici o normale "dialettica" tra signori confinanti?
img. ACA, Barcellona

img. ACA, Barcellona
 

Nessun commento:

Posta un commento